(+39) 348-6729888

(+39) 055-6594304

ibloom4u

Commotion, il progetto per un internet fuori da ogni controllo

3 Settembre 2011

Articolo pubblicato da Le Monde nell’edizione del 31.08.11, tradotto integralmente perchè decisamente interessante, se avrete la pazienza di leggerlo.

Un caseggiato accogliente e anonimo, nel cuore di Washington, a pochi isolati dalla Casa Bianca. In una fila di uffici in fondo al quinto piano, una dozzina di giovani, per lo più dei ragazzi, lavorano con discrezione, in un’atmosfera allo stesso tempo di studio e rilassata. Questa piccola squadra, composta da scienziati informatici, giuristi e sociologi, sta realizzando l’estrema utopia degli hackers e degli attivisti di tutto il mondo: un software che consenta la creazione di wireless ad alta velocità autonome al 100%, funzionanti sulle frequenze Wi-Fi, senza appoggiarsi su infrastrutture esistenti – nè relè telefonici, nè cavi, nè satelliti. Saranno mobili, orizzontali, completamente decentralizzate e sfuggiranno a qualsiasi forma di controllo, perché il traffico sarà anonimo e criptato.

 

commotion

 

Questo ambizioso progetto – nome in codice Commotion – è guidato da Sascha Meinrath, 37 anni, militante di vecchia data per l’Internet libero e precursore di reti di cittadini – all’interno del collettivo di giornalisti on line Indymedia, poi all’Università di Urbana-Champaign (Illinois), una delle culle del software libero, e in varie start-up e ONG ad azione sociale: “Ho realizzato la mia prima rete autonoma dieci anni fa. Le antenne erano fatte con scatole di conserve “. Da quei tempi eroici, Sascha Meinrath ne ha fatta di strada. Nella sua versione attuale, Commotion è un progetto decisamente ufficiale. E ‘ospitato e finanziato dalla Open Technology Initiative (OTI), dipartimento high-tech della New America Foundation, prestigiosa organizzazione dedicata allo studio dei maggiori problemi della società americana, e presieduta da Eric Schmidt, uno dei patron di Google.

 

Grazia a questa fiducia, Sascha Meinrath ha un budget annuale di 2,3 milioni di dollari (1,6 milioni di euro), cui si è aggiunta una sovvenzione straordinaria di 2 milioni, concessa dal Dipartimento di Stato. Infatti, i diplomatici americani sono interessati alla tecnologia delle wireless autonome, leggere e facile da installare. Sperano di poterle presto sperimentare sul campo nelle varie situazioni di emergenza: nelle zone devastate da guerre o calamità naturali, nelle regioni più diseredate del pianeta, dove le popolazioni sono private dei mezzi della moderna comunicazione, e, infine, come “strumento di elusione”  nei paesi dittatoriali, per aiutare i dissidenti politici a comunicare tra loro ed il resto del mondo, neutralizzando la sorveglianza poliziesca e la censura. “Alla fine del 2010, ricorda Sascha Meinrath, ho saputo un po’ per caso che il Dipartimento di Stato aveva deciso di sostenere questo tipo di ricerche. Abbiamo presentato una domanda, in concorrenza con altre organizzazioni, e siamo stati scelti. Gli altri progetti erano basati in parte su infrastrutture esistenti, mentre Commotion le bypassa del tutto.”

 

“Basta una chiavetta USB”

 

La sovvenzione federale non è stata sufficiente a trasformare in funzionari la squadra di CommotionJosh King, 28 anni, il direttore tecnico, ha mantenuto il suo aspetto ribelle – vestito di nero dalla testa ai piedi, catena, capelli arruffati e piercing … Il suo ufficio è pieno di apparecchi di ogni tipo, su cui ha fatto test approfonditi, perché Commotion deve poter funzionare con un assemblaggio eteroclito. Il suoi software trasformano un router Wi-Fi ordinario, un semplice PC o di uno smartphone in relè intelligenti,  in grado di conoscere in tempo reale la configurazione della rete, e di ordinare i dati per inviarli ai destinatari, o ad altri relè più vicino alla meta. Del resto, Commotion può essere facilmente collegata al resto del mondo: basta che uno solo dei dispositivi sia collegato a Internet perchè tutti gli altri profittino dell’accesso. “Infatti, riassume Josh King, l’unico strumento indispensabile da mettere in campo, è una chiavetta USB contenente i software da installare su ogni unità da includere nella rete”. Dalla primavera del 2011, OTI propone elementi di Commotion in download gratuito su Internet. Una versione completa e funzionante sarà disponibile in settembre, in modo che gli esperti di tutti i paesi possano studiarla e dare suggerimenti. Sascha Meinrath non sa esattamente chi sta scaricando cosa, perché non tiene traccia degli utenti sul sito: “Se conservassimo un elenco dei nostri visitatori, i nostri server potrebbe essere piratati da vari governi – compreso il nostro” .

 

Recentemente, OTI ha ricevuto messaggi dai militanti di “Primavera araba”, che vivono in Egitto, Siria, Libia, Bahrein e Yemen: “Vogliono procurarsi Commotion, ma cerchiamo di dissuaderli. E’ troppo presto, non è protetto, sarebbe rischioso servirsene contro un regime repressivo. Tuttavia, può darsi che gruppi clandestini stiano già utilizzando versioni provvisorie senza dircelo. Alcuni interlocutori potrebbero anche essere agenti al servizio dei dittatori, ma poco importa: noi mostriamo la stessa cosa a tutti”.

 

Sascha Meinrath si è dato tempo fino a fine del 2012 per produrre una versione utilizzabile dal grande pubblico. Per accellerare i tempo, OTI si appropria di sistemi sviluppati da altre squadre. Per la messa in sicurezza, Commotion integrerà i programmi del progetto TOR (The Onion Router), inventato da un gruppo di hackers tedeschi e americani per circolare su Internet senza essere individuati. TOR è stato utilizzato anche per proteggere le comunicazioni del sito Wikileaks – che nel 2010 ha rivelato quantità di documenti segreti appartenenti al Governo degli Stati Uniti. Uno dei creatori del TOR, l’americano Jacob Appelbaum, era un tempo molto vicino alla squadra Wikileaks. Due volte, nel 2010, è stato arrestato dalla polizia statunitense, che l’ha interrogato a proposito della sua attività in Wikileaks e ha sequestrato i suoi computers e telefoni. E Jacob Appelbaum è anche un amico personale di Sascha Meinrath, che si fida di lui come consulente per lo sviluppo di Commotion.

 

Per spiegare questa situaione paradossale, Sascha Meinrath evoca la “schizofrenia” del governo federale: “Tra i funzionari di Washington, ci sono ancora persone formatesi durante la Guerra Fredda, che sognano di  bloccare e monitorare tutto, ma ci sono anche giovani arrivati con Obama, che sono partigiani della trasparenza e della libertà di espressione. Nel privato, molti funzionari del Dipartimento di Stato erano arrabbiati nel vedere come i loro superiori criticassero violentemente Wikileaks. Dicevano che il caso avrebbe potuto essere l’occasione per mostrare al mondo che gli Stati Uniti sono in grado di difendere la libertà di espressione e la trasparenza, in qualsiasi circostanza. “

 

Al momento, Jacob Appelbaum partecipa ad un grande progetto chiamato Freedom Box – un semplice computer  economico trasformato in server criptato e sicuro per il grande pubblico. Sascha Meinrath prevede di integrare Freedom Box  alla rete Commotion, soprattutto per poter beneficiare di una funzione chiamata “collegamento differito”: “Ad esempio, durante una manifestazione repressa dalla polizia, un manifestante scatta una foto con uno smartphone collegato a Commotion. Internet quel giorno è stato tagliato quel giorno nel quartiere da parte delle autorità, la foto non può lasciare il paese ma, grazie a Commotion, è riposta al sicuro, in un Freedoom box locale. Poi, non appena Internet viene ripristinato, la casella invierà automaticamente la foto nel mondo intero.”

 

Società di telecomunicazioni, potenziali nemici

 

OTI  pensa si integrare altri dispositivi sperimentali, che consentirebbero agli utenti di condividere files di grandi dimensioni, di far transitare su Commotion telefonate effettuate con normali cellulari, di trasmettere dati in tutte le gamme di frequenza, e anche di interconnettere più reti limitrofe: “Nel mese di luglio, ha dichiarato Sascha Meinrath, un team di hackers in un furgone ha montato una rete effimera, che copriva un’area di 60 km per 30, tra l’Austria, la Croazia e la Slovenia. E’ la prova che siamo in grado di fornire l’accesso ad Internet a tutta una zona di confine, senza essere fisicamente presenti nel paese.” Commotion non è pronta per la distribuzione nelle aree a rischio, ma può già essere testato negli Stati Uniti – ad esempio nei quartieri poveri delle grandi città, i cui abitanti non possono permettersi abbonamenti convenzionali ad Internet. A Washington, a Detroit e in una riserva indiana della California, OTI è entrato in contatto con associazioni di quartiere e gruppi militanti, che avevano deciso di creare reti wireless selvagge, per offrire ai residenti l’accesso gratuito a Internet. Con la sua esperienza e le sue conoscenze, la squadra OTI ha fornito a questi dilettanti un’assistenza tecnica e finanziaria decisiva.

 

Questa volta i potenziali nemici sono le società di telecomunicazioni, che potrebbe fare pressioni sulle autorità, in modo da uccidere queste iniziative a colpi di leggi e vincoli burocratici. Sascha Meinrath è consapevole della minaccia: “La nostra tecnologia sconvolgerà un sacco di cose, Stati Uniti compresi. Se la gente inizia a costruirsi le proprie reti, il modello di business dei gruppi di telecomunicazioni crollerà. Dobbiamo aspettarci un contro-attacco brutale.”. Commotion dovrà anche affrontare l’ostilità delle majors di Hollywood, perché può favorire la pirateria delle opere protette da copyright. Sascha Meinrath è allo stesso tempo fatalista e ottimista: “Che sia negli Stati Uniti, in Medio Oriente o altrove, chi metterà in piedi reti alternative? Non i vecchi, si sa. Saranno gli adolescenti ad impossessarsene. La useranno per contestare l’ordine costituito e anche per condividere la loro musica e i loro  films. Questo può essere negativo per i titolari di diritti, ma il bilancio complessivo sarà molto positivo”.

 

Yves Eudes, Article paru dans l’édition du 31.08.11

Comments

  1. very, very, considarable, fundamental. go ahead, I would like to be informed!

  2. very important and interesting, i would to be informed! thank you

  3. Of course Luigi: we will follow the project with interest. It ‘great!

  4. I’m not that much of a internet reader to be honest but your blogs really nice, keep it up!
    I’ll go ahead and bookmark your website to come back later. All the best

Speak Your Mind

*

↑ Top of Page